Note Noire

Oltreconfine

Note Noire 2015, distribuzione IRD

Un’idea che amiamo sempre quella del fondere lo Swing Manouche, il Gipsy Jazz, con idee nuove e men che mai castigate da stilismi che intendano assecondare le memorie storiche di un genere melodico “nomade” e cadenzato che trovò la perfetta alchimia nell’originalità espressiva di Django Reinhardt.

Leggi tutto: Nore Noire, Oltreconfine

 

Pino Daniele: O ssaje comme fa ‘o core

La storia del Nero A Metà un anno fa voltò pagina.

“O ssaje comme fa ‘o core” scrisse per lui l’amico Massimo Troisi , scugnizzo scanzonato dal sorriso disarmante, prima che col Cuore avesse avuto un litigio definitivo.

Ci piace pensare che a Massimo avesse confidato ”a tra poco”.

Leggi tutto: Pino Daniele

 

I filosofi e la musica: Roland Barthes

Il piacere del tasto 

“Il piano è stato nella mia adolescenza un suono continuo e lontano; avevo una zia che era maestra di pianoforte, in provincia, a Bayonne: dalla mia camera, o meglio, rientrando a casa attraverso il giardino, sentivo echeggiare scale o frammenti di pezzi classici”.

Leggi tutto: Filosofi e musica: Barthes

 

Rosario Di Rosa

Pop Corn Reflections

Nau Records 2015

Tempo fa su alcune riviste di settore si discuteva su come fosse complesso, e quasi impossibile, trasmettere i ricordi delle proprie emozioni: tanto varrebbe anche per la musica, che spesso di Ricordi è composta, in quanto, se non improvvisata, è scritta e descritta da pentagrammi che deviano le ambiguità su intuizioni che riusciamo a cogliere solo sull’Orlo del Significato.

Leggi tutto: Rosario Di Rosa, Pop Corn Reflections

 

Massimo Donno

Partenze

Visage Music 2014, Distribuzione Materiali Sonori

Come tutti sappiamo, quando si immaginano Partenze a rapire la Mente non è tanto l’Arrivo quanto il Percorso, poiché il vero senso del Lasciarsi Dietro è la necessità del Viaggio, che è l’essenza stessa dell’Itinerario che si sceglie

Leggi tutto: massimo donno, partenze

 

Eridana

It Decay

Autoproduzione 2015

Il linguaggio dei Magneti ha spesso reso il disincanto e lo svanire di poetiche underground narrate nel “male di vivere” dei ricordi perduti e delle pause riflessive espresse dall’Indie Rock italiano.

Leggi tutto: eridana

 

Florio Bianchi Intorre Trio

Roots Interchange

Autoprodotto, Elios Registrazioni Audiovisive 2015

Il Soul Jazz, appassionata ricerca estetica di tanti ottimi musicisti negli anni 60, prevede colloqui intensi al di fuori delle rotte più convenzionali per attuare, nell’immediatezza dell’interplay, una descrizione totalizzante dello Stile e soprattutto dell’emozione, come dimostrarono Les McCann, Lonnie Smith, Jack McDuff e Jimmy Smith.

Leggi tutto: Florio Bianchi Intorre, Roots Interchange

Embryo

Twenty Wax Records, 2015

Descritta da una cover liquida quale “immagine dell’intenzione”, la performance Embryo evoca un’ emozione primitiva nella quale si muovono 12 percezioni elettroniche e minimaliste, allegorie di suoni che per brevità definiremo “ambient”

Leggi tutto: Embryo

Pink Floyd

The endless river                                   

Parlophone 2014

Al di là delle indagini filologiche sulla genesi dell’album e sull’ipotesi di Scarto discografico fra il 1993 ed il 1994, se ancora oggi desta attenzione una simile sequenza di inediti, una ragione estetica ben ci sarà.

Leggi tutto: Pink Floyd, Endless River

Bob Dylan

Shadows In The Night

2015 (Columbia)

Di fatti e misfatti Mr. Dylan ne ha compiuti molti nel corso della sua lunghissima vita discografica, dalle vette di “Like a Rollin’ Stones”, “Just Like a Woman” e “Knockin’ on Heaven’s Door” a prove un po’ sbiadite nell’ambito del South Rock e del Blues Rurale.

Leggi tutto: Bob Dylan, Shadows

Brian Eno & Karl Hyde

Someday World

Warp, 2014

La ricerca stilistica e melodica che ha contraddistinto ogni evento discografico di Brian Eno trova oggi un ulteriore elemento di scoperta, conducendo nel proprio mondo interiore Karl Hide, voce, chitarra e synth degli Underworld, non esattamente una personalità immune dall’istinto visionario che riconosciamo quale prima identità musicale di un album fortemente voluto da questi due cultori dell’Inusuale e delle forme più emotive del Rock elettronico.

Leggi tutto: Eno & Hyde, Someday World

Login Form