Visite: 1742

Mauro Mussoni 5et, Lunea, AlfaMusic 2018

Personalmente mi piace molto quando il Jazz suona chiaro, senza troppe perifrasi ardite o circonlocuzioni cerebrali che fanno tanto moda presso i Messia delle Blue Notes. In questo, Mauro Mussoni ed il suo Quintetto non nascondono le proprie origini ed i propri gusti, operando secondo una deriva jazzistica di assoluto rilievo: ne è frutto Lunea, un album policromo che sa tanto di Live in Studio, di immediatezze interpretative, di saper suonare assieme al fine di raggiungere i medesimi obiettivi con lo stesso calore, lo stesso Swing, lo stesso Blues, lo stesso Funk, lo stesso Bop.

Molto articolato il senso dell’album, di cui Mussoni è autore ed arrangiatore: un jazz di caratura contemporanea, viscerale, appassionata, privo di eufemismi e di benevolenze mainstream; un jazz che lascia ampio spazio alle improvvisazioni dei solisti scelti per rappresentare il proprio discorso musicale (in primis Beppe Di Benedetto al trombone, Emiliano Vernizzi al sax, Giacomo Uncini alla tromba, Alessandro Fariselli al sax tenore: chapeau!); un jazz intermediato dall’affabile cura pianistica di Massimiliano Rocchetta e dalla lucidità con la quale Marco Frattini e Fabio Nobile alla batteria sanno sostenere la tensione narrativa dell’eclettico contrabbassista.

Punti di Forza? Dal groove trascinante di Moonlanding (Hard Bop magnifico con un ottimo solo di soprano di Vernizzi e l’eccellente fraseggio del Nostro con un contrabbasso di rara costruzione: ascoltatene le risonanze ed i colori in  cuffia) alla ballad lunare Ila (bella composizione ed egregio arrangiamento), dal sincopato orchestrale di Lunatico alle agilissime movenze Black di Beinc (quelle per le quali di solito a occhi socchiusi sibiliamo “yeah” battendo il ritmo sui quadricipiti: punto esclamativo!).

Se ne ha di grande Jazz…un Jazz che noi, devoti alla causa ma mai troppo generosi, vorremmo ascoltare sempre, causa prima l’ingegno creativo, la versatilità ed il buon gusto.   

Fabrizio Ciccarelli

Mauro Mussoni contrabasso, composizioni ed arrangiamenti

Emiliano Vernizzi sax

Beppe Di Benedetto trombone/euphonium

Massimiliano Rocchetta piano

Marco Frattini batteria e percussioni

Featuring

Giacomo Uncini Tromba

Alessandro Fariselli sax tenore

Fabio Nobile batteria

Luca Mattioni percussioni

1.Moonlanding

2.Mantra

3.Ila

4.Lunatico

5.BeInc.

6.Steak by Steak

7.Noir

Production coordinator: Fabrizio Salvatore

Sound engineers: Luca Nobile – Alessandro Guardia

 

      

        

Accesso Utenti