Michele Di Toro

ComEpromesso 2

Abeat 2016

Esistono pianisti che si muovono con scioltezza dando sempre l’impressione di non aver mai la minima fretta di esibire il loro talento, rilassati e sorretti da tecnica anche eccellente, e ne esistono altri, capaci di volgere senza enfasi soli di note essenziali e frasi leggere, indifferenti ai suoni sin troppo generosi del mainstream e sensibili, invece, alle riflessioni che muovono dal repertorio classico per immergersi con discrezione e sensibilità nelle Blue Notes.

Read More: michele di toro, comepromesso 2

"Un'Introduzione all'uso delle Spazzole" di Paolo Lattanzi 

Le spazzole sono molto di più di un semplice accessorio con cui suonare la batteria, sono un vero e proprio strumento musicale e benché utilizzate in numerosi generi musicali, le spazzole trovano le loro applicazioni più avanzate nel jazz. 

Read More: Un'introduzione all'uso delle spazzole, Paolo Lattanzi

Max sweet love: Mario Corvini New Talent Jazz Orchestra, Auditorium Parco della Musica, 6 maggio 2017. Con Maurizio Urbani, letture Paola Musa.                                                                              

Be bop, roba americana, musica nera 

“Con due note ti sdraiava”, così il direttore della New Talent Jazz Orchestra, Mario Corvini, ha sintetizzato la forza, il timbro, l’intensità, l’originalità, il lirismo del sax contralto di Massimo Urbani, “il talento dei talenti” morto per overdose nel 1994.

Read More: Max sweet love, Mario Corvini NTJO, Auditorium PdM Roma 6.5.2017

Moondogs

Outin’

Devega, 2017

Scenari sonori evocativi, a tratti onirici, ingemmati da una ricerca armonica erudita, debordante di fascino. “Outin’” è la nuova fatica discografica firmata “Moondogs”, interessante trio costituito da Filippo Cosentino (chitarre), Giovanni Sanguineti (contrabbasso) e Lucrezio de Seta (batteria).

Read More: Moondogs, Outin'

Arketypos

Trio

Alfa Music  2017

Clima di assoluta concentrazione, portamenti spaziosi e densi di soluzioni contemporanee, il cui significato sembra andare ben oltre il loro apparire e scomparire, atmosfere rarefatte descritte da un linguaggio tanto personale quanto sintetizzante la grande lezione dei Maestri della Chitarra Jazz in trio.

Read More: arketypos trio

Auditorium Parco della Musica, Teatro studio Borgna 2 maggio 2017

Serena Brancale quartet Featuring Stefano Di Battista 

Un talento fuori dai talent! 

Reduce da un Sanremo del 2015 e da un disco conseguente, “Galleggiare”, e per la seconda volta all’Auditorium Parco della Musica di Roma, che l’accoglie con affetto e partecipazione, la cantante barese Serena Brancale fa vedere qualità vocali di primissima qualità, nonché una versatilità d’impiego che la rende convincente su diversi fronti e generi.

Read More: serena brancale 4et feat.stefano di battista, live auditorium roma, 2.5.2017

Auditorium Parco della musica di Roma, Teatro studio Borgna 29 aprile 2017 

Giampaolo Ascolese  Jazz …!! 

Jazz history of the world 

Più che un progetto folle, come lo ha definito scherzosamente il suo ideatore, poteva essere un progetto rischioso quello di raccontare la storia del jazz attraverso la musica e le parole, di intrecciare i brani di grandi compositori e musicisti con l’esigenza didattica di introdurli e spiegarli e collocarli sull’asse del tempo, andando a pizzicare qua e là differenze e analogie, a individuare origini, sviluppi, diramazioni, contaminazioni.

Read More: Ascolese: Jazz! auditorium roma 29.4.2017

Luigi Martinale Quartet

Il valzer di Sofia

Abeat Records 2016

Il termine “Valzer” porta tutti noi ad un mondo di nobile e lieve memoria così come alle magie jazzistiche di John Coltrane e Bill Evans.

Read More: luigi martinale, il valzer di sofia

Pasquale Innarella Quartet

Migrantes

Alfa Music 2017

Dichiarata la memoria che lega Pasquale Innarella alla vicenda storica dei  migranti irpini (“Ho visto i miei compagni partire con i loro genitori, con valige e pacchi legati da corde con dentro la loro storia; emigravano in terre lontane… dove diventavano “I terroni” in cerca di lavoro e fortuna”) non si può non ascoltare l’album se non come una cupola di guarigione dai cerchi di Potere che stringono l’Umanità nella folle opposizione fra mondo ricco e mondo straccione.

Read More: pasquale innarella quartet, migrantes

Il reduce e i Viandanti: il rincontro della musica

22.4.2017 live Atelier Montez, via di Pietralata, Roma 

Le vie della musica, che spesso nella letteratura e nella filosofia è stata ritenuta a ragione la voce più autentica della divinità, sono giustappunto infinite; e così, a un reduce del Rock come il sottoscritto, le cui passioni delle scoperte sonore si sono sopite ai primi anni Ottanta, può capitare di essere ridestato tutto ad un tratto dall’incontro casuale con un disco bipolare: che non viene dalla musica costruita a tavolino delle grandi Major ma neanche dai vari ripiegamenti in cui si sono cacciati tanti sperimentalismi ciechi. 

Read More: il Reduce e i Viandanti, live Montez di Roma 22.4.2017

Alessandro La Corte 5et

Smile in Winter

Alfa Music 2017

Una vigorosa sferzata Bop nel segno storico di un linguaggio Jazz senza sottotitoli e senza soggetti perduti in deserti epici di strutture e temi deprivati di ideali Blue: “Smile in the Winter” è un album colto, terreno di forza espressiva e propulsione comunicativa, ispirato alla diversità Hard del fascino strumentale che rese il Pathos di Coltrane (con McCoy Tyner, Jimmy Garrison ed Elvin Jones) esempio non solo di rinnovamento estetico ma soprattutto straordinario saggio di bellezza spirituale e di ricerca etnomusicologica (“One for McCoy” docet).

Read More: Alessandro La Corte 5et, Smile in Winter

Accesso Utenti