Roberto Giglio

Auditorium Parco della Musica - Sala Borgna, 23.11.2017

Musica ma non solo: gli amici ospiti chiamati a duettare in due brani (l'attore Max Tortora e la giornalista sportiva della Rai Francesca Sanipoli) hanno dato un tocco di ironia, di teatralità, di contaminazione a un concerto già bello di suo, impreziosito dalla presenza dell'ottimo sassofonista Paolo Recchia.

Read More: roberto giglio, auditorium roma 23.11.2017 (di Stefano Cazzato)

Bobby Soul & Blind Bonobos

Dodici Lanterne

CNI Compagnia Nuove Indye, Edizioni Look Studio srl, 2017

Punto e virgola, due punti e punto esclamativo. Questione di punteggiatura musicale. Questione di punteggiatura letteraria. La punteggiatura (come sa chi scrive e chi suona) è un’arte difficile che, quando riesce, equilibra l’essenza d’ogni testo.

Read More: bobby soul & blind bonobos, dodici lanterne

Le parole della Musica

La costruzione di un amore

E intanto guardo questo amore

che si fa più vicino al cielo

come se dietro all'orizzonte

ci fosse ancora cielo.

Ivano Fossati, 1978. La prima interprete fu Mia Martini, nel tempo in cui era iniziata la loro tormentata storia d’amore. Fossati la registrò in studio nel 1981 per “Panama e dintorni” e la incise nuovamente con un arrangiamento diverso nel 1988 per “La Pianta del tè”.

Read More: le parole della musica: la costruzione di un amore

Ubik Trio

Dirty Hands

Abeat Records 2017

Nei mille tentacoli del jazz metropolitano è facile perdersi lungo le arterie diverse del solito riflusso che, spesso, confonde la Ricerca con una Documentaristica di Blue Notes gradevolmente orecchiabili ma prive di originalità e di anima.

Come tutti sappiamo, le menti fragili corrono sempre verso l’originalità a tutti i costi; ma non è questo il caso.

Read More: ubik trio, dirty hands

Le Parole della Musica

Ma Dio era morto per davvero?

“Ho visto la gente della mia età andare via lungo le strade che non portano mai a niente”.

Guccini scrisse tanto tempo fa questi versi. Francesco Guccini fu una scoperta, e che scoperta…

Read More: le parole della musica:ma dio era morto per davvero?(francesco guccini)

Francesco De Gregori

Sotto il vulcano

Caravan, Sony Music 2017

Ma perché “Sotto il vulcano”? Alle volte il cambiamento dalle origini ha il sapore del magma della fuga oppure della mancanza di punti di riferimento.

Read More: francesco de gregori, sotto il vulcano (fabrizio ciccarelli)

Per Stefano Cazzato, Una storia platonica, Giuliano Ladolfi Editore, 2017.

Prima lettura: Là dove s’immagina (riflessioni su Rapsodi, Aedi, Iperuranio e Blue Notes)

Non sono certamente uno storico della filosofia né un esperto di Platone ed amo la filosofia così come chiunque abbia scelto della propria vita lo specchio artistico, specchio che sa dare  equilibrio e che non conosce cadute e semmai spinge l’osservazione del Sé nella Storia delle Idee, nella Storia dell’Umanità intera.

Read More: per stefano cazzato,una storia platonica (fabrizio Ciccarelli)

 

Le Parole della  Musica 

Pagine Bianche 

“Qualcosa rimane tra le pagine chiare e le pagine scure, e cancello il tuo nome dalla mia facciata, e confondo i miei alibi e le tue ragioni….”

Read More: le parole della musica:pagine bianche

Peo Alfonsi Trio

Oyasin

Abeat Records, 2017

Peo Alfonsi , chitarrista e compositore di solida formazione classica ed attento elocutore di sintassi jazzistiche ed interessanti sedimenti popolari, ancora una volta ha modo di distinguersi nell’ambito del miglior repertorio di quell’avventura sonora che per brevità chiamiamo new age .

Read More: peo alfonsi trio, oyasin

Nina Pedersen

Eyes Wide Open

Losen Records, 2017

Una classe cristallina che sgorga da temi cantabili e carezzevoli. “Eyes Wide Open” è la nuova creatura discografica partorita dalla raffinata cantante e compositrice Nina Pedersen,

Read More: nina pedersen,eyes wide open

Jamiroquai

Automaton

Virgin 2017

Da una band che ha segnato importanti innovazioni nell’ambito del Funk / Acid Jazz, merito riconosciuto da circa 30 milioni di album venduti e giusti Placet della critica internazionale, è lecito aspettarsi qualcosa che sia almeno pari all’attesa dei sette anni dall’ultima uscita discografica, “Rock Dust Light Star”, performance peraltro niente affatto ascrivibile a quelle scene memorabili cui ci abituò Jamiroquai negli anni 90.

Read More: jamiroquai, automaton

Accesso Utenti