Hits: 1193

 

 

Dario Savino Doronzo, Pietro Gallo - Reimagining Opera, Digressione Music 2021

 

Si può declinare il repertorio classico in chiave jazzistica, intervenendo con l’improvvisazione sulla scrittura? Si può fare tutto, quando lo si fa bene, come nel caso di questo “Reimagining Opera”, una bella sorpresa d’ascolto che nasce dalla rilettura jazz di alcune celebri arie italiane, quindi da un accurato lavoro di sintesi e di ricerca.  

Innanzitutto l’operazione è lodevole negli intenti: in un Paese che non fa molto per la musica, che la finanzia poco e nei curricoli scolastici la relega a un ruolo ancillare, se non inesistente, il progetto ha un indubbio valore pedagogico: può avvicinare in particolare le generazioni più giovani alla tradizione lirica italiana, che è poi anche tradizione storica e culturale. E comunque tener vivo un tesoro nazionale, un senso di appartenenza, di identità.

Ma l’operazione è importante anche negli esiti: per quanto classica o colta, la lirica italiana resta, per il modo in cui è nata e per gli eventi cui si è legata, un’espressione popolare, e in questo senso è molto vicina allo spirito originario del jazz.

Sono due linguaggi dell’anima che s’incontrano e che, pur mediati dalla tecnica e dalla testa, all’anima parlano. Nella versione elegante e delicata in cui rivivono nell’interpretazione di Doronzo e Gallo, queste arie sprigionano potenza melodica e bellezza, memoria e visione. E’ un piacere ascoltarle. Su di me poi fanno un effetto del tutto particolare perché rimandano a un periodo della mia vita in cui ero giovane, felice e abitavo in piazza Verdi e lì, nel cuore di Roma come in quello della musica, confluivano via Monteverdi, via Paisiello e le altre.

 

Stefano Cazzato

 

Dario Savino Doronzo, flugelhorn

Pietro Gallo, piano

Feauturing Michel Godard, serpent (on 2,6,8)

 

1.G.Verdi Ouverture (Otello)

2.C.Monteverdi Sì dolce è ‘l tormento

3.A.Parisotti Se tu m’ami

4.G. Puccini Nessun dorma (Turandot)

5.P.Mascagni Intermezzo (Cavalleria rusticana)

6.T.Giordani Caro mio ben

7.G.Paisiello Nel cor più non mi sento (La molinara)

 

Bonus track

8.M.Godard Fruccia d’ali (inspired by Pur ti miro)

 

 

 

Login Form