Visite: 607

Liliana Bernardi/Nicoletta Sanzin

Viaggio Italiano per violino e arpa

Alfa Music 2014

Esaltando la forza espressiva del duo ed attingendo al ricchissimo repertorio cameristico italiano, Liliana Bernardi al violino e Nicoletta Sanzin all’arpa realizzano un album di grande suggestione sentimentale, elegante e decisamente divulgativo per chi si accosti alla splendente bellezza di due strumenti  non frequentemente accostati (e a torto) nella letteratura musicale classica. 

 

Di luminosa e magnifica atmosfera l’esecuzione dell’Elegia (op.22) del torinese Luigi Maurizio Tedeschi, la Sonata (op.28)di Federigo Fiorillo (figlio del mandolinista napoletano Ignazio ed autore di 36 interessanti Capricci per violino) ed alcuni pentagrammi  di due autori contemporanei, tra le quali di limpida leggerezza la passionalità orientale di “The princess” del quarantenne Maestro Tiziano Bedetti ed i tre modernissimi movimenti del cinquantenne Maestro Mario Pagotto, composti proprio per questo duo e realizzati in anteprima mondiale, ispirati alla mistica contemplazione, alienata quanto “perduta”, della poesia di Emily Dickinson ed al “torvo luogo” di Amherst in Massachusetts  ove ella visse per tutta la vita, reclusa per scelta (“Verses from Amherst”).

Virtuosamente declinata in Pathos romantico la tensione passionale della Sonata scritta a 26 anni dal celeberrimo operista Gaetano Donizetti , se non erro dedicata al Conte Wenzel von Gallenberg per motivi non del tutto disinteressati in quanto quest’ultimo collaborava con l’impresario Domenico Barbaja, una vera potenza imprenditoriale di quel periodo ,cui si rivolgeva chiunque avesse voluto farsi notare nei teatri borbonici. “Una curiosità: Gallenberg sposò nel 1803 Giulietta Guicciardi, sottraendola a un Beethoven perdutamente innamorato che per lei aveva composto l’op. 27 n. 2, ovvero il “Chiaro di luna”(come ricorda Umberto Berti nella Presentazione).

Al di là di notazioni tecniche ed analisi filologiche, dialogando con serenità e dedizione il Duo esempla un suono generoso e cangiante di assoluta bellezza, denso di esplorazioni melodiche per un Viaggio,  Sicut nomen importat, del tutto Italico, del tutto colto, del tutto coinvolgente.

Fabrizio Ciccarelli

Liliana Bernardi- violino ; Nicoletta Sanzin-arpa

 

 

 

Accesso Utenti