Visite: 313

Bottalico, Ciancaglini, Creni, Fumagalli

Alter & Go

Filibusta Records 2017

Quando la Musica diventa Cuore per un’altra Musica prende vita l’Anima di un Jazz in Eterno Divenire: “Alter & Go” è nel battito travolgente  di un Hard Bop privo di reliquie mainstream e libero di ripensare la Coscienza Alternativa che fu straordinaria controcorrente negli anni in cui lo Stile sembrò cristallizzarsi nelle tante forme accondiscendenti nei confronti del nascente grande affare dell’industria musicale, del tutto esterne all’Anima Blue e all’Umanesimo della Creatività innovativa della fine degli anni 50 e della prima metà dei 70.

 

All’interno di questi riferimenti, privo di certa bulimia Free e talora nelle direzioni del Progressive Rock di Soft Machine e King Crimson, “Alter & Go” è leggibile nel “siamo altro e per questo suoniamo”, come nel “Raal” di in un AlterEgo attento all’impulso ascendente di John Coltrane (al quale tutti dobbiamo essere grati) e nelle Blue Notes mosse da un vento futuro che disegna Melodie ampie e coinvolgenti, colori vibranti e forti nei Soli “a cuore aperto” dell’interessante compositore  Roberto Bottalico al sax (“What’s”) e di Tiziano Ruggeri alla tromba (“Intermission Riff”), emotività distoniche di ballads sospese (“Aka Waltz”) o crepuscolari (“Song for Mat”), variando in modo originale sincretismi Funk (“A.plays with B.”) per poi comprendere il nodo centrale dell’altera stranezza del Genio solitario ed egocentrico di Thelonious Monk (“Well you needn’t”), maestro d’improvvisazione e sciamano d’invenzioni armoniche cui, a giusta ragione, il Quartetto rende omaggio facendo appello all’istinto primitivo delle dissonanze, inseguendo suoni che con agilità fuggono nella piacevolissima apertura dinamica del calore cromatico di Augusto Creni alla chitarra e nel nitore espositivo di Pietro Ciancaglini al contrabbasso e Pietro Fumagalli alla batteria. 

In tutta sincerità: a noi il Jazz piace così, spontaneo com’ è nella sua natura storica, memore dei Maestri e sempre libero di disegnare innovazioni e luci estemporanee, poiché ciò che al di fuori ne resta è spesso noia e apatico tran tran.    

Fabrizio Ciccarelli

Roberto Bottalico : sax tenore, composizione(eccetto 7:Th.Monk, 10:R.Wetzel); Pietro Ciancaglini: contrabbasso; Augusto Creni: chitarra; Pietro Fumagalli: batteria; Tiziano Ruggeri: tromba in “La ballata dei gufi gemelli” e “A. plays with B.”

1.Alter & go 2.What’s 3.Raal  4.Aka waltz  5.A.plays with B. 6.Song for Mat 7.Well you needn’t  8.La ballata dei gufi gemelli  9.A.plays with B.  10.Intermission

Accesso Utenti